A Rispescia (Grosseto), dal 4 al 15 agosto, l’annuale appuntamento con Festambiente: il festival internazionale di Legambiente ospiterà spettacoli, mostre, dibattiti e conferenze sui temi più importanti che riguardano la difesa e la tutela dell’ambiente. Non poteva allora mancare la partecipazione di Oleificio Zucchi, sponsor tecnico della manifestazione e partner di lunga data di Legambiente sui temi della trasparenza e della sostenibilità nella filiera agroalimentare.

 

Tante le iniziative che vedranno protagoniste le idee e i prodotti del brand cremonese, ma, in particolare, saranno due i momenti cruciali per conoscere il suo impegno per la sostenibilità.

 

Il primo vedrà Giovanni Zucchi, Vicepresidente di Oleificio Zucchi, portare la propria testimonianza al dibattito “La sfida di un nuovo modello agroalimentare per rispondere ai cambiamenti climatici”, fissato per sabato 5 agosto alle 19,30 e che prevede la partecipazione – tra gli altri – del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina.

 

Il secondo appuntamento, dedicato ai veri appassionati di olio ma anche a chi voglia avvicinarsi a un mondo così affascinante e parte del saper fare italiano, sarà la Blending Experience di martedì 8 agosto alle ore 20. Un’esperienza coinvolgente e divertente in cui giocare con sapori e sensazioni olfattive sperimentando, grazie al supporto dei Blendmaster di Oleificio Zucchi, l’accostamento di oli da cultivar e provenienze diverse, per dare vita al proprio personalissimo blend d’olio extra vergine d’oliva, unico in termini di profumi e sfumature di gusto.
(I posti sono limitati e sarà possibile iscriversi direttamente all’evento).

 

Una collaborazione ormai longeva, quella tra Oleificio Zucchi e Legambiente, un impegno comune per la sostenibilità e la trasparenza che ha portato prima alla gamma “Consigliati da Legambiente”, composta da 3 oli di semi 100% italiani e 3 extra vergine d’oliva prodotti secondo un preciso percorso di rispetto dell’ambiente, affinamento qualitativo e tracciabilità; poi, con il contributo di Legambiente e di tutta la filiera, la realizzazione della prima Certificazione dell’Olio Extravergine di Oliva Sostenibile rilasciata da CSQA, per portare sulle tavole un olio di qualità, rispettoso dell’ambiente e del lavoro e tracciato.